News

Dalla teoria alla pratica

Quanto è importante poter fare esperienze lavorative durante il percorso di studi? Moltissimo, secondo Gabriele Nardelli, ex studente di ISIT. Il tirocinio è utile per misurarsi con il mondo del lavoro, acquisire esperienze da inserire nel CV e magari scoprire settori poco conosciuti, ma estremamente interessanti.  Ecco la sua testimonianza.

Il “saper fare” contraddistingue l’approccio pratico del piano di studi offerto dall’Istituto. Quale modo migliore di un tirocinio, quindi, per mettere in pratica le competenze acquisite nei tre anni? Rappresenta, infatti, un’opportunità utile per scoprire le proprie attitudini, capire quali potranno essere gli ambiti di lavoro al termine dell’università e magari trovare sbocchi e settori che non si erano mai presi in considerazione. Prendiamo, come esempio, lo sport: da qualche anno sono state attivate diverse collaborazioni tra ISIT e varie manifestazioni internazionali, come i Campionati mondiali di sci nordico, le Universiadi, il Tour de Ski, oltre alla partnership con Trentino Volley. In queste occasioni, gli studenti hanno potuto scoprire quali opportunità offre il mondo dello sport, che includono, per esempio, l’attività nell’ufficio stampa dell’evento, le traduzioni di comunicati e le interviste agli atleti.

Un elemento estremamente prezioso per chi studia lingue è la mobilità: nel corso di quest’anno accademico sono stati proposti tirocini all’estero in tutte le quattro lingue di studio offerte dall’Istituto (inglese, tedesco, spagnolo, francese). Gli ambiti sono vari e diversificati: il turismo, la reception in campeggio, l’organizzazione di attività per ragazzi in campus del Regno Unito, il settore sociale.

Impara l’arte... e mettila nel curriculum!

Una delle difficoltà più frequenti che si possono incontrare quando ci si affaccia al mondo del lavoro è ritrovarsi con un curriculum “scarno” dal punto di vista delle esperienze professionali. Ecco perché i tirocini acquisiscono una valenza importante nel percorso formativo, con la fondamentale caratteristica della qualità e della pertinenza rispetto alla propria formazione. Un’occasione, quindi, per pensare al proprio futuro ed iniziare ad arricchire il curriculum. Se queste esperienze vengono realizzate all’estero, poi, il valore aggiunto accresce ancora di più, oltre agli evidenti benefici di una full immersion linguistica. Oltretutto in ISIT il calendario accademico è stato organizzato in modo tale da permettere un soggiorno più esteso durante l’estate.

Vi consiglio, quindi, di approfittare delle occasioni proposte, valutandole con una mente aperta e curiosa verso nuove sfide e senza precludersi delle opportunità di crescita professionale e non solo.

Esperienze di lavoro… e di vita

Le esperienze di tirocinio arricchiscono anche dal punto di vista personale: mettendosi in gioco si scoprono spesso potenzialità e risorse, dentro di noi, che non conoscevamo e le sfide che incontriamo fortificano il carattere e rafforzano la motivazione. Si fanno nuove conoscenze e si allarga la propria rete di contatti. A maggior ragione all’estero, ogni giorno è un’occasione di crescita per consolidare  l’autonomia e ampliare gli orizzonti.