News

... E DOPO ISIT? I laureati si raccontano

Un vero tuffo nel passato l’evento "... E DOPO ISIT?", che si è tenuto il 10 dicembre scorso all’Istituto trentino. Gli studenti hanno avuto la possibilità di confrontarsi con un gruppo di professionisti che si sono laureati tra il 1998 e il 2014.

La mattinata si è aperta con il saluto istituzionale della Presidente, la Professoressa  Loredana Bettonte, che ha raccontato i momenti salienti del percorso che ha portato alla nascita di ISIT: dal sogno, coltivato sin dall’infanzia, di possedere una scuola fino ad oggi.  La presidente ha spronato i nuovi studenti a “fare del loro meglio”, ricordando che nella vita “non si partecipa per partecipare, ma per vincere”.

L’evento è entrato nel vivo con il racconto dell’esperienza di studio e lavoro degli ex studenti, alcuni dei quali sono rimasti in Trentino, mentre altri lavorano fuori provincia o all’estero.

La prima a raccontarsi è stata Arianna, che ha ricordato come, al momento di scegliere, aveva optato per interpretazione, più in linea con i suoi progetti. Dopo ISIT ha deciso di proseguire gli studi ed ha conseguito la laurea magistrale alla IULM.  Oggi è una libera professionista che offre servizio di interpretazione a privati, aziende, istituzioni.  

Inaspettato lo sbocco professionale di Veronica che, durante gli studi era convinta sarebbe diventata interprete, oggi invece lavora per un’azienda che fornisce trascrizione automatica alle emittenti più importanti del mondo.

Dopo la laurea Rossella ha, invece, iniziato a lavorare in un’azienda che vende aceto balsamico di Modena. L’ex studentessa ha sottolineato come sapersi destreggiare nell’uso delle lingue le ha facilitato sin da subito il contatto con i clienti dell’azienda, perlopiù stranieri.

ISIT ha permesso ad Aurora di entrare nell’istituto londinese che diploma i Masters of Wine. Figlia di un vignaio, è diventata la sommelier professionista più giovane d’Italia dopo gli studi al liceo classico. Accortasi di avere una carenza nelle lingue si è iscritta all’istituto trentino che le ha permesso di acquisire in soli tre anni la padronanza delle lingue.

Dopo ISIT, Elisa ha invece deciso di proseguire gli studi ed ha conseguito la laurea magistrale a Trieste; oggi si occupa di Network marketing.

A differenza di Elisa, Giulia  ha preferito proseguire la sua formazione all’estero. Dopo ISIT è approdata a Bruxelles dove ha ottenuto la laurea magistrale e successivamente ha lavorato per anni in un’università di Lugano.

Il più giovane del gruppo, Alan, che ha portato avanti ben quattro lingue laureandosi in interpretazione di conferenza con una specializzazione nel settore dell’alimentazione, ha raccontato la sua esperienza come freelance anche per colossi come Amazon, per cui si è occupato di  revisione e traduzione.

Dopo le testimonianze,molti studenti hanno fatto domande e chiesto consigli. Alan, in particolare li ha sollecitati ad “non avere paura della paura stessa, ma di vederla come un fattore motivante per dare il meglio”.